A che latitudine sta la paura?

settembre 7th, 2010 § 1 comment § permalink

BlogNews

presa diretta_iacona E’ giunto settembre, tutto lo stivale rabbrividisce alle prime avvisaglie d’autunno: i brividi veri, però, ce li ha portati il ritorno delle inchieste “sul campo” di Riccardo Iacona e del suo Presa Diretta. La prima puntata, “’Ndranghetisti”, è stata il consueto pugno nello stomaco: già sapevamo di quanto la criminalità organizzata calabrese, nonostante l’impegno delle sempre peggio finanziate forze dell’ordine e di magistrati come Nicola Gratteri  (banalmente, i veri eroi civili, che vivono una vita impossibile tra scorte e bunker, quasi fossero loro i criminali), sia ormai assurta a mafia numero uno del continente europeo, con una espansione su scala mondiale che nemmeno i “picciotti” siciliani forse sono riusciti a raggiungere; ora sappiamo anche quanto profondamente questo male abbia infettato ogni struttura produttiva di tutto il paese, fino a quel famoso “Nord che produce” e che ai più alti livelli molti ancora dicono  essere un’isola felice ove la criminalità organizzata non alligna.

Quando vedi paesi dell’hinterland milanese soffocati da pizzo e usura, quando assisti a deposizioni processuali di imprenditori e ‘ndranghetisti padani (doc o acquisiti che siano) le quali, in tutto e per tutto, ricalcano quanto siamo abituati a vedere e sentire nelle fiction su Corleone, Palermo, Casal di Principe o San Luca (“non ricordo…davvero ho detto così durante l’interrogatorio in procura? mai subite minacce…”), allora ti rendi conto che la solita teoria delle poche mele marce è solamente un modo per girare il capo altrove e non voler affrontare la realtà. Capisci anche che, quando parliamo di omertà, non parliamo di una condizione genetica con cui viene al mondo chi nasce a determinate latitudini, ma della risposta alla (sacrosanta) paura di ciascuno di noi se,  di fronte alle intimidazioni mafiose, trova una società che non è in grado di proteggere i suoi membri più fragili e li lascia soli ad affrontare i prepotenti. Basta vedere come, in ambito repressivo, le nostre priorità e gli sforzi maggiori sembrano volti a fare piazza pulita di quei pericolosissimi criminali che sono “vù cumpra’”, lavavetri, mendicanti: perché certo, possiamo agevolmente sopportare che dentro i cantieri si mozzino le dita e si minaccino le famiglie degli imprenditori in disgrazia, ma non sia mai che si attenti al decoro urbano ed al nostro tempo prezioso…

Villaggio vacanze Italia (Muammar’s camping)

agosto 29th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Con una pervicacia che comincia a preoccupare, l’amico Muammar è tornato in ferie a Roma anche in quest’ultimo scorcio di agosto, con il suo corteo di amazzoni in divisa, cavalli berberi e capricci da divo. Ad attenderlo, ancora una volta, un piccolo harem di circa 200 ragazze (500 secondo la Stampa, ma la questura contesta il dato), assiepate davanti ai cancelli del’ambasciata libica. Come un anno fa, pure quest’anno le pulzellette hanno dovuto sorbirsi nientepopodimenoche… la lectio magistralis sull’Islam (da leggersi a mo’ di “la corazzata Potemkin!”) e  -immagino- su quanto bene faccia alla pelle delle donne: qualcuna si è lamentata, forse perchè le repliche non sono mai belle come la “prima”. Sollecitato da una domanda sull’ingresso della Turchia in Europa,  Gheddafi sembra abbia auspicato che tutto il nostro continente dovrebbe votarsi alla religione del Corano: peraltro, il leader libico dev’essere un abile missionario, se veramente gli è riuscito di convertire seduta stante almeno tre delle sue ospiti. Nel frattempo, che faceva il nostro sempiterno eroe, l’amico Silvio? Stranamente, disertava la muliebre adunanza per una sobria presenza a San Siro, dove il suo Milan strapazzava il Lecce 4-0. Ma come:  viene in campeggio il più illustre dei turisti e l’animatore più bravo del nostro villaggio vacanze se ne sta allo stadio?

A novembre dello scorso anno, scrivevo un post dal titolo “Metti una sera a casa Gheddafi.” Oggi che la farsa si replica, mi accorgo di avere un po’ la nausea per tutto questo: d’accordo, la ragion di stato il petrolio libico tripoli ormai nelle banche italiane e perfino nella juve gli accordi sugli sbarchi etc. etc. Però, insomma, qui si tratta di pagliacciate e pure di prese per i fondelli…

Sarebbe ora di dire basta

giugno 24th, 2010 § 3 comments § permalink

BlogNews

Ora, va bene che in tempo di crisi non si butta via niente, che un governo cialtrone può essere meglio di nessun governo, che nel campo dell’opposizione si gioca come la nazionale italiana contro la Slovacchia, che non si può andare a votare ogni anno; va bene tutto, ma quanto a fondo dobbiamo andare ancora, quanto in basso dobbiamo scendere, prima che, non dico la gente per strada, ma quanto meno i sondaggi facciano una grossa pernacchia all’indirizzo di questo Berlusconi IV?

Solo oggi, dai giornali:

- Aldo Brancher, uno la cui semplice biografia dovrebbe essere suffciente a sconsigliarne qualsiasi impiego in ambito pubblico, fedelissimo del nostro premier, nominato “casualmente” solo una settimana fa ministro per il federalismo (carica doppione di quella di Bossi e pure di quella di Fitto), si avvale del legittimo impedimento in un processo che – sempre “casualmente”- vede oggi l’inizio del suo iter

- come rivelato dall’ottimo Fabrizio Gatti, nei fondali dell’arcipelago della Maddalena ci stanno rifiuti tossici in quantità: i lavori di bonifica, eseguiti (eseguiti?) in occasione del G8 poi spostato a L’Aquila, sono stati affidati dall’onnipresente Guido Bertolaso all’ormai famigerato cognato

- per protesta contro i gravi ritardi nella ricostruzione e negli stanziamenti del denaro necessario, il consiglio comunale de L’Aquila si è svolto a Roma, all’aperto, di fronte al Senato; negli stessi momenti, Silvio Berlusconi difende il sindaco di Palermo, che non avrebbe colpa alcuna (“Conosco da lungo tempo il sindaco Cammarata e so che è persona capace e responsabile. So che in ogni cosa mette impegno e passione, ma so anche che, come succede a tutti i suoi colleghi sindaci, non tutto dipende dalla sua capacità, dalle sue azioni, mentre tutti sono pronti sempre a chiedergliene il conto”) se la sua città è costantemente sommersa dai rifiuti (nonostante i cospicui e continui aumenti della Tarsu e gli interventi economici del governo)

- ieri era il ritorno dell’Ici (mascherata però da Imu, imposta unica sugli immobili: almeno salviamo la faccia, no?), oggi è la minaccia delle Regioni di restituire le proporie competenze allo Stato, se nella manovra correttiva (la crisi non c’è, ricordate? è solo un’invenzione della sinistra!) permarranno i drammatici tagli a enti locali e spesa sociale (un solo esempio, il blocco del turn-over in sanità: per ogni 5  sanitari che vanno in pensione, se ne potrà assumere solo 1, con il conseguente aumento degli straordinari per il personale rimasto e   lo scontato peggioramento dell’assistenza ai malati): il gioco  di dirottare il peso dei sacrifici economici (e quindi l’inevitabile scontento popolare da questi derivante) tutto sule amministrazioni locali è sempre più evidente e smaccato

Potrei continuare ancora, ma credo basti così. O forse no?

L’eroe di ‘sti due …mondi

giugno 13th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

image

Peccato che questo qui è già libero da qualche giorno, naturalmente. Al più, si tratterà di offrirgli un passaggio fino a Malpensa. Comunque, per mantenere la solennità dell’annuncio, facciamo una cronaca della giornata odierna del nostro Premier. Da leggere a mo’ di cinegiornale Luce (o anche a mo’ di Minzolini):

settimana_incom_luce Certo galvanizzato nel ricordo dell’eroe dei due mondi, centrale e inclita figura nelle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità di quel paese che, da  Padania a Terronia, lungo l’unificante cerniera dell’Appennino, corre sicuro verso il sol dell’avvenire, il nostro giovane premier è stato oggi costretto agli straordinari, al nobile scopo di tener fede a tutti i gravosi impegni internazionali -inevitabili per un paese di alto rango quale quello che ha l’onore di guidare ormai da lungo tempo.

Prima, nella bulgara mattina di Sofia, dopo il commosso e virile ascolto dell’Inno di Mameli, il nostro primo ministro ha personalmente scoperto una statua equestre di Giuseppe Garibaldi, fiero condottiero e ideale precursore di quegli  uomini che, impavidi, ancor oggi lottano per l’autodeterminazione e la libertà dei popoli padani e delle genti delle due Sicilie. Nel pomeriggio, poi, come suo costume senza concedersi a quelle molli pennichelle che tanto sanno d’ozio romano, il capo del governo si recherà in terra d’Africa, in quella Libia da dove voci ben informate dicono ritornerà col trofeo più ambito alle genti europee: uno svizzero in carne e ossa, anch’esso personalmente liberato (a mani nude!) dalle cirenaiche galere.

Grazie all’italico ingegno di Silvio Berlusconi, laddove tutte le cancellerie del continente hanno fallito, un uomo solo è riuscito a trionfare del riottoso alleato libico, di nuove glorie così ancor ricoprendo il paese dove il sì suona.

n1

Update delle 0.00: alla fine, allo svizzero è stata risparmiata la traversata del Canale di Sicilia in compagnia delle simpatiche barzellette del premier. Comunque, Berlusconi non torna dalla Libia a mani vuote: si porta indietro 3 pescherecci e i soliti salamelecchi sul ruolo (decisivo, ovviamente) svolto nella risoluzione di questa delicatissima crisi internazionale (giusto per cavillare: risulta che la firma del trattato Libia-Svizzera si sia svolta alla presenza di soli delegati di governo elvetici e spagnoli).

Quel fumo dal radiatore…

marzo 18th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

corriera Sommessamente e senza intenzione di farvi allarmare più del dovuto, vorrei farvi partecipi di una mia grave preoccupazione di questi giorni, concernente la vecchia corrierina su cui allegramente tutti siamo momentanei gitanti: in fondo, pure se puzza di naftalina, viaggia con sedili ormai frugati e già fuma dal radiatore alla prima corsetta, ancora le voglio bene.

Dunque sono un po’ preoccupato da come la stiamo maltrattando negli ultimi tempi: il pilota mi pare un tipo ormai suonato, tira le marce come un novellino, passa dovunque col rosso, stende le vecchine sulle strisce e poi lancia gestacci inequivocabili ai vigili che cercano di farlo ragionare; quelli seduti nei primi posti, invece di suggerire una guida più attenta e serena, sembra ci stiano prendendo gusto e -quando non sono occupati ad aprire le porte per gettare fuori  in corsa qualche malcapitato- incitano il guidatore a osare sempre di più; quelli dietro si dividono tra quanti si limitano a vomitare dal finestrino e quanti cominciano a dar fuoco alla tappezzeria, supponendo che sfasciare tutto sia il mezzo più rapido per fermare questo andare spericolato. Se ci aggiungiamo che il percorso è costituito da strade sterrate piene di buche e curve a gomito senza protezioni e che il meccanico non controlla freni e sospensioni da almeno sessant’anni, magari mi date ragione pure voi.

 

Related Posts with Thumbnails

Where Am I?

You are currently browsing entries tagged with italia at PaleoZotico.

Bad Behavior has blocked 264 access attempts in the last 7 days.