Se ci tocca rimpiangere Ruini…

marzo 31st, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Genova, il presidente della Cei Bagnasco torna sul documento dei vescovi:

“E’ difficile porre dei paletti se manca un criterio oggettivo di bene e male. Domani si potrebbero legalizzare altre aberrazioni come l’incesto o la pedofilia tra persone consenzienti”

Ma veramente si può pensare che l’approvazione dei DICO -per inciso: vi prego, cambiate ‘sto nome!- indichi la “mancanza di un criterio oggettivo di bene e male“? Che il percorso intrapreso sia una lunga discesa verso l’abisso della pedofilia? E che un bambino possa essere “consenziente” nei confronti di una cosa che nemmeno capisce, si può ipotizzare?
Io certe affermazioni me le posso aspettare dalla Lega o da un Calderoli qualsiasi, non dal rappresentante dei vescovi. Che delusione…

Sempre la solita storia: siccome in quanto cattolico ti senti di possedere la Verità, gli altri sono tutti sbagliati. Queste sarebbero attitudine e apertura al dialogo?
Poi, però, non ci si può lamentare delle risposte piccate di chi viene praticamente tacciato di voler corrompere la società!

P.S.: Mi pare che Cristo se la sia presa, ai tempi suoi, con quelli che definì sepolcri imbiancati, i Farisei che interpretavano solo la lettera delle Sacre Scritture e non ne coglievano lo spirito…

Cose di questo (?) mondo

marzo 29th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Dice che il mondo è bello perchè è vario.
Però…


Revirgination

A parziale discolpa (se mai qualcuno si fosse chiesto dove sono finito)

marzo 28th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
La Cronaca di questi giorni mi offrirebbe spunti gustosi per sproloquiare in libertà, a partire da quella cosa che la Stampa ha subito definito Vallettopoli -di sfuggita, molto interessante sarebbe capire perchè ogni scandalo che capita in questo Paese debba essere definito con un suffisso in -poli- e su cui potrei sprecare le solite quattro ciance di Moralità Offesa; passando al sempreverde caso di presunto infanticidio di cui tutti sappiamo (ora pare sia saltata fuori l’arma del delitto: ma ‘sto mestolo mica l’hanno trovato, o sì? e se no, come fanno a sapere che di mestolo si sia trattato? e come mai vien fuori solo adesso?); fino alla tristissima farsa della Votazione sull’Afghanistan (Marco Rizzo dice: “Votiamo sì solo perchè altrimenti torna Berlusconi…” Ma perchè bisogna fare Politica solo in funzione dell’Ottavo Nano? E anche Lui: prima fa votare compatta l’Opposizione sul Sì, alla Camera; poi, al Senato, la fa astenere solo per far cadere Prodi? Boh…).

Il fatto è che, finalmente, sto studiando: il che un po’ mi rincuora, ma mi toglie energie per il blog. Poco male, visto che queste lande sono desolate come una città a Ferragosto.

Come Funziona la Sinistra

marzo 20th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
E’ giorno fatto, sul Palazzo della Politica splende un sole benevolo.
Un qualsiasi leader di un qualsiasi partitino del Centro-Sinistra si sveglia: mentre si fa la barba, si guarda allo specchio e si vede bello e prestante, però si scopre incompreso e ritiene che le sue qualità dovrebbero risaltare di più, all’interno della Coalizione. Allora convoca il Gotha del Partito -in genere lui, la moglie, il cognato e un amico d’infanzia- ed espone l’idea di un provvedimento qualsiasi, che ha pensato nel tragitto da casa alla Sede del Politburo: in genere una cazzabubbola pazzesca, in grado però di scompaginare gli equilibri interni alla Coalizione, visto che troverà comunque qualche altro “leader” pronto a puntare i piedi perchè “il provvedimento non era nel Programma”, e “i nostri elettori non capirebbero”, e poi la Chiesa, i Movimenti…
Il nostro Leader sa tutto questo, ma non se ne cura: oggi è la sua giornata! Quindi, mentre uno Tsunami sta per cancellare la Sicilia dalle Mappe e gli USA ci han dichiarato Guerra -D’Alema ha, inavvertitamente, pestato la borsetta di Condy Rice-, rilascia una speziata dichiarazione al TG1, lasciando intendere che, se la sua proposta non passasse, il Governo sarebbe in bilico.
Ancora Prodi non è venuto a conoscenza dei fatti, ma già tutti i Partiti del Centro-Sinistra han rilasciato Dichiarazioni a destra e a manca, a chiunque capitasse a tiro: Mastella, intervistato da “La Voce di ‘Sti Ceppaloni” dice che lui è disposto a votare il Provvedimento, ma che in cambio vuole la regione Puglia; Giordano afferma a “Il Manifesto” che Rifondazione dà il suo placet, mentre su “Liberazione” due dissidenti dell’ala Trozkista-Maoista del Settimo Giorno negano recisamente il loro voto; Di Pietro, nell’occasione impegnato in un Puntatone Congiunto di Porta a Matrix sulle intercettazioni telefoniche trapelate dallo Scandalo Follettopoli (il Governo avrebbe taciuto l’esistenza di una Comunità di Folletti, sita da secoli tra le Colline dell’Aspromonte e dedita ai sequestri di persona, di cui per anni si era incolpata la Innocentissima ‘Ndrangheta), dice che lui ormai appoggia qualsiasi cosa, dato che deve espiare in eterno per aver fatto eleggere De Gregorio.
Nel Caos, interviene finalmente Prodi: “La Maggioransa è coescia, l’accordo è totale. Ormai abbiamo deziso e non sci può tornare indietro. Sciono fiduzioso, veh!
Cade il Governo.

Come Funziona(va) la Destra

marzo 20th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
E’ giorno fatto, sul Palazzo della Politica splende un sole benevolo.
Silvio si sveglia: mentre gli fanno la barba e gli impastano il cerone, mette a punto un’idea che ha sognato stanotte (si sa, lui lavora 24h ore su 24 per l’Italia). Di solito si tratta di attuare provvedimenti di grande utilità pubblica, come assegnare nuove frequenze per il Digitale Terrestre di Mediaset, depenalizzare questo e quello, condonare su e giù per lo Stivale. Detto-fatto, chiama Bondi dalla cuccia e gli espone il progetto, che il suo lacchè trova ovviamente superbo. A questo punto Bondi parte per sondare gli altri “leader” della Coalizione: An si accoda al Capo, perchè Fini aspetta di ricevere, in un giorno lontano, lo scettro del Comando (un po’ come il Principe Carlo con la mamma Elisabetta ); il DiCcìRotondi si precipita al dichiarare al TG1 quante belle idee abbia sempre Silvio; a turno, uno tra Lega e UDC punta i piedi, o perchè manca il Federalismo Fiscale o perchè mancano Risorse alla Famiglia (quella Naturale, eh!). Allora Silvio rassicura i riottosi, i quali votano qualsiasi provvedimento (in quanto a Federalismo Fiscale o Risorse alla Famiglia, Silvio promette che
il problema sarà affrontato subito dopo il Voto).

Ostruzionismo

marzo 17th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
Dunque le “Liberalizzazioni” rischiano di decadere, perchè in Parlamento la Destra fa Ostruzionismo: utilizza cioè un’arma politica legittima -anche se molto poco elegante- per dilatare i tempi del dibattito e far scadere quelli del Decreto. Il motivo dichiarato è che “queste non sono vere liberalizzazioni, ci vorrebbe ben altro! Liberalizzassero le municipalizzate, per esempio…” La domanda che sorge naturale è, però: va bene, servirebbe ben altro, ma intanto perchè non permettere a queste piccole misure di migliorare (di poco, d’accordo, ma è già qualcosa) la vita di chi non guadagna carriolate di Euro?
Immagino che lo scopo di questa strategia sia quello di costringere il Governo a porre la Fiducia, per poter poi dire che non c’è una Maggioranza e che si va avanti “a colpi di Fiducia.”
Ma un atteggiamento responsabile verso dei provvedimenti condivisi dalla stragrande maggioranza dei cittadini italiani, non dovrebbe tornare a maggior onore anche dell’Opposizione stessa, facendole guadagnare credito, e dunque voti? Possibile che non esista una formazione politica in grado di guardare oltre l’immediato, per pensare a strategie più di lungo periodo? Non è stato il Centro-destra (che non esiste più, ormai) a far cadere il Governo, qualche settimana fa: è stato il Centro-sinistra, tutto da solo. Lo stesso, secondo me, era accaduto l’anno scorso: Berlusconi si è -politicamente- suicidato con il pessimo Governo 2001-2006, Prodi aspettava sulla riva del fiume e ha rischiato di perdere proprio perchè troppo sicuro di dover solo attendere il cadavere del nemico.

Consiglio, su questo argomento, la lettura di un articolo di Gian Antonio Stella, pubblicato sul sito del Corriere a questo link.

Sacrificare il "Porcellum"

marzo 16th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
Di Ingegneria Costituzionale non capisco molto e mi pare che, pure tra i Costituzionalisti, le posizioni siano variegate e spesso tutte motivate -il che imporrebbe un incontro a metà strada, partendo però con l’intenzione di produrre qualcosa di buono per la Collettività e non il proprio tornaconto personale. Nutro quindi scarsa fiducia nei tentativi politici di compromesso in atto nel nostro Paese per una Legge Elettorale che salvi capra e cavoli: dia la certezza di poter realizzare il proprio Programma Elettorale a chi vince (ovvero la Stabilità), senza azzerare la Voce dei perdenti o addirittura ammutolire una parte dell’Elettorato (ovvero la Rappresentanza). Ogni Partito cerca naturalmente un tornaconto immediato, perciò annusa l’aria e propone le riforme che ritiene più facilmente foriere di voti per i suoi rappresentanti in quel momento: difficile partorire qualcosa insieme agli avversari (e alle volte anche insieme ai presunti alleati).
Non riesco a pensare ad una soluzione.

Piuttosto, scommettiamo che, ad un certo punto, sarà Berlusconi -more solito- a rovesciare il tavolo, lamentandosi che lui ci aveva messa tutta la buona volontà di cui è capace, ma che gli Stalinisti di Sinistra non hanno permesso un accordo?

Il Monopolio dei Valori

marzo 15th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
Ciò che più mi dà fastidio, in questa pseudo-crociata ecclesiastica contro il “relativismo” e -almeno in parte- contro i diritti individuali, è l’idea strisciante per cui al di fuori del Cristianesimo non ci sono valori: come se negare una qualche trascendenza dovesse condurre inevitabilmente alla barbarie.
Sono ateo, ma rispetto i credenti e condivido molti dei loro convincimenti etici e morali, perciò non capisco le parole apocalittiche del Papa, di molti cardinali e di alcuni “sostenitori” più o meno disinteressati: nel mio piccolo, credo di aver ereditato alcuni valori dal Pensiero greco antico (e anche il Cristianesimo, direi, ha di queste eredità), altri dal Vangelo (più che dalla Chiesa), altri ancora dalle tradizioni di Pensiero successive (non ultima l’Illuminismo). Mi manca la Speranza in un Dopo: ma questo è un dono, non un valore.
Perchè dovrei sentirmi reietto e amorale se sostengo l’uguaglianza di tutte le persone di fronte al consesso sociale (senza distinzioni di sesso, cultura, razza, religione, etc etc….), quando il messaggio del Vangelo è, peraltro, questo?
Può la Chiesa, istituzione di uomini come me, ritenersi unica depositaria del Vero e dell’interpretazione delle parole di Cristo (o di quelle che sono state riportate come tali)?

San Francesco e il lupo – II

marzo 14th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews
In riferimento al post precedente, non sarà che Papa Ratzinger dice cose assai banali o fa affermazioni di Principio conservatrici, in cui molti si ritrovano perchè tendono ad allontanare il diverso (che è ciò che fa paura) e a rifugiarsi in un inesistente passato dominato dai Valori “che si stanno perdendo” ?
Il Messaggio di coloro che citavo è, piuttosto, un inno all’accoglienza e al rispetto di tutti: difficile aderire a tale messaggio senza doversi mettere in gioco e “rischiare”.

Ma il Cristianesimo non è “scandalo”, nelle parole di Cristo stesso?

Possibile che nessun cristiano abbia il coraggio di dire queste cose, di criticare uno che vuole di nuovo la Messa in Latino (che sarà pure bella, ma ovviamente crea una forte differenza gerarchica tra il Sacerdote, il quale capisce ciò che sta dicendo, e i fedeli)?

P.S.: Questo post era la risposta ad un commento di quello precedente, ma mi sembrava degno di una collocazione autonoma.

San Francesco e il lupo

marzo 13th, 2007 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews


Piccola domanda: ma San Francesco come si troverebbe, nella Chiesa di oggi?
Ah, già: nemmeno in quella dei tempi suoi si era trovato molto bene. Che sia cambiato poco, da allora?

E, in subordine: di Madre Teresa di Calcutta o di Gandhi si dice sempre un gran bene; però, perchè alle loro testimonianze preferiamo le parole di Papa Ratzinger?

Related Posts with Thumbnails

Where am I?

You are currently viewing the archives for marzo, 2007 at PaleoZotico.

Bad Behavior has blocked 174 access attempts in the last 7 days.