L’eterogenesi di Fini…

aprile 22nd, 2010 § 3 comments § permalink

BlogNews

“Dalle azioni degli uomini risult[a] qualcosa d’altro, in generale, da ciò che essi si propongono e [...] immediatamente sanno e vogliono. [Infatti, essi] recano in atto quel che a loro interessa, ma da ciò vien portato alla luce anche altro, che vi è pure implicito, ma che non è nella loro coscienza e intenzione.”

(G.W.F. Hegel)

…e intanto, il Pd sempre alla finestra

ber1_169big Ripensando  a caldo al discorso appena tenuto da Fini alla direzione nazionale del Pdl, mi pare di aver sentito le parole di uno che sta in un altro partito; anzi, mi sembrano quasi dei punti programmatici per una nuova formazione di centro (più che di centro-destra), quasi una chiamata (metaforica) “alle armi” per chi ci sta.

Nell’ordine, Fini ha affondato la politica del governo in campo fiscale (sostiene che non è possibile, in tempi di crisi, promettere il federalismo fiscale come vuole la Lega; è molto dubbioso sulla riforma del fisco targata Tremonti), la politica del governo sull’immigrazione (che, comunque, è stato lui a inaugurare nel 2001 con la legge che porta il suo nome), l’approccio del governo a giustizia e riforme, lo stile dei rapporti con Bossi e l’acquiescenza ad ogni capriccio leghista.

Se il gruppo dei finiani rimasti tali fosse appena un po’ più polposo e Fini stesso più coraggioso del solito, ora mi attenderei quanto meno una crisi di governo e la nascita di qualche accrocchio col centro targato Udc e Api. Non nascondo che la prospettiva di un “governo per le riforme” (magari di durata biennale) tra Pd-Udc-Fini, con unici punti programmatici legge sul conflitto di interessi, riforma costituzionale (magari con un federalismo decente), riforma del lavoro con estensione degli ammortizzatori sociali e riforma dell’Università con stanziamenti decenti per la ricerca e l’istruzione mi tenterebbe non poco. Peccato non ci siano i numeri, oggettivamente.

Tutto questo per dire la stima che rimane, in uno che è pure iscritto, nella capacità attuale del Pd di dare risposta ai problemi del nostro paese.

Ci si sente alla prossima frana

aprile 22nd, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Dunque, a furor di popolo (e giustamente, temo), la Campania si è ribellata al “malgoverno della sinistra”, da almeno due anni incarnato da quel Bassolino che (pur sempre a furor di popolo) aveva promesso il nuovo rinascimento napoletano e s’è invece fermato ancora un po’ nel medioevo partenopeo.

Ora il nuovo governatore del Pdl, Caldoro, si è appena insediato e certo non si cambia una situazione così difficile in un mese; nondimeno è lecito attendersi, dalla nuova giunta campana, una prima serie di provvedimenti, magari anche simbolici, di innovazione e discontinuità con quelle pratiche di politica di clientele, spesso prona al malaffare, che tutti (a parole) dichiarano come un disco rotto di voler combattere.

Infatti. Appunto. Già.

Questa settimana il governo del nostro strano paese varerà un provvedimento, in linea con quanto richiesto proprio da Caldoro, per sospendere le demolizioni abusive in Campania –naturalmente in vista di un prossimo condono.

Complimenti. Ci toccherà rivalutare Bassolino fin da subito (pensavo di poter attendere almeno due o tre anni), che almeno a provvedimenti di questo tipo si è a lungo opposto.

sarno_Alluvione[1] Ci si sente alla prossima frana, quando sarà tutto un domandarsi “e lo Stato, dov’era? Ma com’è stato possibile costruire abitazioni dentro il cratere del vulcano/sopra un terreno argilloso/nel letto di un fiume in secca etc.etc…” “Eh, signora mia, è colpa di quelli che c’erano prima! Dei ladri della prima repubblica! Degli imperatori romani che hanno permesso di costruire Pompei ed Ercolano sulle pendici del Vesuvio! Ma ora ci siamo noi: Mai più! Mai più! Statene certi…non vi abbiamo ripulito noi dalla monnezza di Bassolino?”

 

Se questo è un pirla

aprile 13th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

«Il progetto che stavo per mettere in atto lo portavo in me già da lungo tempo. La sua origine rimontava ai miei anni di studentato. Mi riusciva incomprensibile che io potessi vivere una vita fortunata, mentre vedevo intorno a me così tanti uomini afflitti da ansie e dolori [...] Mi aggrediva il pensiero che questa fortuna non fosse una cosa ovvia, ma che dovessi dare qualcosa in cambio [...] Quando mi annunciai come studente al professor Fehling, allora decano della Facoltà di Medicina, egli avrebbe preferito spedirmi dai suoi colleghi di psichiatria»

Albert Schweitzer

 

Da bambino, pensavo alla professione del medico come a quella del missionario: mi sembrava impossibile, una volta conseguita la laurea, non partire -per due o tre anni almeno- alla volta di una qualche struttura pericolante nel cuore dell’Africa. Il mio ideale era Albert Schweitzer: nato musicista, divenuto sacerdote, poi medico nel villaggio africano di Lambarenè. Nobel per la pace, ma di quelli veri. Se pure gli anni mi hanno fatto capire di non essere capace di tanta abnegazione e spirito di sacrificio, nondimeno rimango dell’idea che una vita spesa per gli altri sia la massima realizzazione dell’essere umano. In questo senso, Gino Strada è un esempio per tutti, al di là di ciò che possiamo pensare delle sue idee politiche.

Invece, dalle parti de “il Giornale” non amano molto le sottigliezze del pensiero critico. Dalla prima pagina di oggi:

screenshot.2

Strada e gli appartenenti ad Emergency avversano ogni forma di guerra: per questo criticano ugualmente sia i governi occidentali che si sono imbarcati nel conflitto in Afghanistan che i talebani, i quali per anni hanno martoriato la popolazione del paese. Per Feltri questa posizione non è concepibile: se critichi le “guerre giuste” sei automaticamente un terrorista. Oppure un pirla (come ebbe a dire Farina anche del povero Enzo Baldoni), a farti arrestare o rapire mentre cerchi di aiutare le vittime di un conflitto armato: perché, insomma, ma chi te lo fa fare? Questi ti sparano addosso e tu continui a curarli gratuitamente? Continui a porger loro l’altra guancia? Devi essere proprio un pirla, veh: te lo diciamo ben noi, unici veri depositari dei valori cristiani,  che di andare a rischiare la nostra pellaccia per quelli là non ci attraversa il cervello nemmeno l’idea.

C’è stato, qualche anno fa, un celeberrimo presidente del consiglio di un paese mediterraneo il quale si spinse ad affermare che i magistrati sono “antropologicamente diversi” dal resto della razza umana. Ora, io vorrei poter dire lo stesso di coloro che sul quotidiano di Feltri scrivono cose come quelle odierne: purtroppo, sono ben consapevole invece del fatto che siamo tutti antropologicamente identici. La meschinità è merce di cui ognuno di noi è ben fornito: alcuni, però, evidentemente sentono di esserne più ricchi e, con molta generosità, non si fanno specie di regalarne un po’ al prossimo. La qual cosa mi mette ancor più tristezza e mi costringe a dubitare della bontà del creato.

 

Storiacce

aprile 10th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Dal blog di Luca Sofri, Wittgenstein, gli ultimi settant’anni della storia polacca riassunti in due eventi posti alle estremità di questo arco temporale, ma incredibilmente simili:

Katyn, aerei che precipitano, Sikorsky: vecchie storie e coincidenze

Perché il tempo, alle volte, scivola via in fretta come una stella cadente; altre volte, sembra non volersene andare mai.

katyn 

E non è questione di complottismo: non c’è nessun attentato dietro questo tupolev caduto oggi (almeno, allo stato delle cose). Si tratta del fatto che le vicende della storia si svolgono e si avvitano lungamente in trame fosche e nebulose, secondo un criterio cronologico che (se mai esiste) mal si adatta alla durata dei nostri pochi anni.

In solitaria malinconia

aprile 2nd, 2010 § 3 comments § permalink

BlogNews

È fosco l’aere,
il cielo è muto;
ed io sul tacito
veron seduto,
in solitaria
malinconia
ti guardo e lagrimo,
Venezia mia !

(Arnaldo Fusinato, L’ultima ora di Venezia)

 

venezia14 Allora, ricapitolando. Il PD ha perso le elezioni, noi abbiamo perso le elezioni: le abbiamo perse alla grande. Abbiamo perso tutto quello che era umanamente perdibile: ci siamo tenuti giusto la Puglia, Venezia e poco altro. Certo, si resta forti laddove forti si era già, ma si sprofonda in tutto il resto del paese. Qualcuno ci vede un’inversione di tendenza, perché gli pare che l’anno scorso si stesse peggio. Qualche altro si frega le mani perché il PDL nel nord arretra di fronte ai fazzoletti verdi.

Ecco, in tutto questo a me basterebbe uno dei nostri dirigenti che si alzasse a dire una cosa così, più o meno:

“Sì, è vero, è andata malissimo. Siamo ancora un cantiere in pieno restauro, non abbiamo tv a disposizione, non riusciamo a far capire alla gente che certe inchieste e certi giornali non li pilotiamo noi: comunque non ci sono scusanti.

Per questo ora è giunto il momento di lasciare vuote le comode poltrone di Bruno Vespa, la docile platea di Ballarò, le imbelli inquadrature dei tg. Non ci vedrete più a battibeccare sul colore del cielo e su quanta pioggia ci sta per scrosciare addosso: scenderemo tutti i giorni per le strade (non in piazza), a cercare di parlare con la gente ai mercati e nelle case. Ci metteremo seduti nel vostro salotto, al tavolino del vostro bar di fiducia, in oratorio, negli ospedali: staremo lì con voi, con calma e tanto tempo da perdere. Smetteremo di imbastirvi le solite risposte, finché non avremo prima sentito e poi a sufficienza meditato le vostre domande.

Cercheremo persino di ascoltare. Sì, vi sembra incredibile, lo sappiamo: ma vi ascolteremo, sul serio. Perderete la voce a furia di raccontarci i vostri casi; avremo le orecchie che fischiano e la testa che ronza, ma non ci alzeremo finché non avrete finito. Ah, e ci scriveremo tutto su di un quadernino: consumeremo i fogli, la vista e le penne pur di scrivere tutto quel che andrete dicendo. Saremo più silenziosi del vostro parroco, più comprensivi del vostro medico, più curiosi del vostro barbiere. Niente andrà perduto: nessuna delle vostre preoccupazioni, nessuno dei vostri tormenti. Allora, forse, potrete crederci e, chissà, anche votarci.”

Magari è fantascienza; probabilmente è politica.

Venezia ! L’ultima
ora è venuta;
illustre martire,
tu sei perduta …
Il morbo infuria,
il pan ti manca,
sul ponte sventola
bandiera bianca !

 

Related Posts with Thumbnails

Where am I?

You are currently viewing the archives for aprile, 2010 at PaleoZotico.

Bad Behavior has blocked 174 access attempts in the last 7 days.