Urge agenzia di selezione del personale

febbraio 19th, 2011 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

cicala3Nel maldestro spettacolo di onorevoli piroettanti da un partito all’altro a seconda delle previsioni meteo (oggi piovaschi diffusi al Centro, domani grandine all’altezza di Terzo Polo; sereno variabile a Destra, con possibili uragani alle viste nel mese di aprile; attenzione alle burrasche nel territorio padano attorno al 17 marzo; si segnala nebbia fitta a Sinistra) di cui siamo allibiti spettatori, a far specie sono la sconcertante assenza di una qualsivoglia -anche rudimentale- visione politica e la pochezza intellettuale (o forse dovrei dire intellettiva) di queste cicale, pronte ad accordare il loro canto incerto su quello del solista che, di volta in volta, stona di più.

 

Falli di frustrazione

giugno 11th, 2010 § 1 comment § permalink

BlogNews

Giornata di falli di frustrazione, quella di ieri: l‘IDV che occupa i banchi del governo, il PD che lascia l‘aula prima del voto, un gruppo di impavidi  che disperatamente cerca di incantare il premier, andando a leggergli la Costituzione sotto il balcone di casa (chissà, magari l’avrà presa come una serenata d‘amore). All‘atto pratico, 3-0 per il cavaliere: un goal all‘opposizione, un goal alla sedicente minoranza interna al Pdl, un goal all‘Italia intera. Difatti, di questi giorni di proteste vibranti resterà solamente il voto compatto del Senato alla cosiddetta “legge bavaglio“, contro la quale si è schierata la stampa tutta (a parte, forse, Minzolini: ma per sapere cosa ne pensa, bisognerebbe sciropparsi il tg1, ed io ne sono felicemente digiuno da almeno un anno, ormai), persino quei noti bolscevichi di Sky (listato a lutto, per l’occasione, il canale all news del gruppo Murdoch). Della ribellione dei finiani,  buoni solo a pestare i piedi invano, resta appena qualche distinguo e un accenno di possibili modifiche nel corso della prossima e ultima lettura del provvedimento, a Montecitorio: immagino non se ne farà nulla, visto come il grande capo ha sentenziato l’altro giorno. Tanto tuonò, che piovve, insomma.

Beh, per uno che lamenta ogni cinque minuti di non avere alcun potere reale, non c‘è male: pensa se potesse fare sul serio quel che gli pare.

Nel frattempo, non fai in tempo ad aprire il sito di uno dei grandi quotidiani nazionali, che lo trovi incorniciato da pervasivi e fastidiosissimi spot: le notizie sono compresse da un tripudio di colori, annunci e variegati cosini animati che svolazzano da una parte all‘altra dello schermo; ultimamente, la home page di repubblica è stata rimpicciolita, peggiorandone decisamente la visione, e ciò di certo per incrementare lo spazio a tali nuove forme di pubblicità. Questo per dire quanto bene stiano le imprese editoriali: dubito potrebbero sobbarcarsi le multe salatissime previste dalla nuova normativa.

Quindi, gente, sursum corda: un altro giorno radioso sta per sorgere nel paese di Silvioland, dove tutto va come deve andare e, nonostante si sia sempre tutti indignati, al prossimo turno ci precipiteremo ancora in massa a votare per il sire di Arcore.

Regole e panini

marzo 7th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Cronache dalla terra dei cachi (Italia gnamme…)

img_0424 Da ormai troppi anni siamo costretti a questo continuo scegliere “il male minore”, a sacrificare alla prepotenza di un piccolo uomo con tanti soldi ogni straccio di regola condivisa; questa volta per salvaguardare i diritti degli elettori del partitone più squinternato del mondo (vi immaginate le battutacce se la cosa del panino fosse accaduta al PD, l’autonominatosi partito-Fantozzi? e vi immaginate se mai il governo si sarebbe affannato con un assalto all’arma bianca al Quirinale per tutelare delle liste “non amiche”?), altre volte per fini molto meno nobili.

Da troppi anni siamo anche costretti a toreare tra dichiarazioni tutta forma e niente sostanza, che fanno solo un po’ di rumore e restano al più come echi lontani nelle rassegne stampa: quando Di Pietro grida al golpe e minaccia l’impeachment contro Napolitano, è tutto grasso che cola per il PDL.

Ben vengano le manifestazioni  di piazza, ben vengano i post indignati: è giusto dire che non siamo d’accordo con certi soprusi. Solo, non pensiamo di ottenere qualcosa: noi non possiamo.

E’ per questo che spero negli elettori del Pdl: coraggio, togliete il vostro voto a quelli che hanno rischiato di farvi restare senza la possibilità di scegliere i vostri rappresentanti. Non è giusto premiare i furbi e gli incapaci, non è possibile digerire qualsiasi brodaglia solo perché dalla cucina ve la spacciano come “piatto tipico”: questo lo facevano i comunisti, sapete.

 

Related Posts with Thumbnails

Where Am I?

You are currently browsing entries tagged with italia gnamme at PaleoZotico.

Bad Behavior has blocked 259 access attempts in the last 7 days.