Prendi un Gheddafi, trattalo male…

febbraio 22nd, 2011 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Certamente oggi, dal punto di vista italiano, la questione libica non è più quella di arginare l’esodo di quattro disperati attraverso il canale di Sicilia o di assicurarsi risorse energetiche (forse) a buon mercato, ma concerne da un lato la posizione da assumere (purtroppo tiepida e pavida, come da copione dell’incolore ministro Frattini)  di fronte al dramma di una nazione bombardata dal suo stesso esercito in nome di colui che si definisce “Guida della rivoluzione;” dall’altro (più egoistico, ma legittimo anch’esso), il timore che la conflittualità in crescendo costante sulle coste nord-africane possa generare esiti molto gravi anche al di qua del Mediterraneo (per tacere del problema dell’Iran e di come sembra muoversi minacciosamente in tutta l’area mediorientale). Quindi, non è oggi il tempo per i ragionamenti sottili. Quando e sperabilmente, però, le cose si saranno calmate e il Mediterraneo tornerà alla sua placida vita di sempre, il governo italiano avrà le sue belle gatte da pelare, nel cercare di rispondere delle desolanti scelte di  politica estera di questi anni -e di questi giorni.

berlusconi-gheddafi-bacia-maniSe vogliamo renderla poetica, è il guaio di chi troppo ama e si lega a doppio filo e scriteriatamente all’oggetto della sua passione (che sia l’innamorato della porta accanto oppure un dittatore sanguinario pari grado non cambia molto): quando l’amore finisce (oppure quando l’altro dà di matto), poi ci sono delle conseguenze spiacevoli. Così, se la Libia come si suol dire volterà pagina, all’Italia toccherà rendere conto di quei giorni spensierati con l’amico Gheddafi, cullati dal ponentino, mano nella mano tra tende, lezioni di Corano a fanciulle un po’ stolte e cammelli: chissà cosa ne diranno quelli che oggi vengono schiacciati senza pietà. E anche nel caso, non del tutto improbabile, che Gheddafi resti in sella, bisognerà prendere nettamente le distanze (come faranno certamente gli altri paesi europei, meno compromessi) dal mare di sangue da lui versato in questi giorni e non legittimarne la permanenza al potere: in che modo, dopo tutto l’amore scambiato negli ultimi anni? Potremo osare rifiutarci di aprire la porta a un Gheddafi contrito che bussa alla nostra porta con un mazzo di rose (e un barcone di migranti puntato verso Lampedusa)?

Letture consigliate:

Frattini: Gheddafi ha ancora un ruolo? «Non lo so»

Gli affari della Libia in Italia

Villaggio vacanze Italia (Muammar’s camping)

agosto 29th, 2010 § Commenti disabilitati § permalink

BlogNews

Con una pervicacia che comincia a preoccupare, l’amico Muammar è tornato in ferie a Roma anche in quest’ultimo scorcio di agosto, con il suo corteo di amazzoni in divisa, cavalli berberi e capricci da divo. Ad attenderlo, ancora una volta, un piccolo harem di circa 200 ragazze (500 secondo la Stampa, ma la questura contesta il dato), assiepate davanti ai cancelli del’ambasciata libica. Come un anno fa, pure quest’anno le pulzellette hanno dovuto sorbirsi nientepopodimenoche… la lectio magistralis sull’Islam (da leggersi a mo’ di “la corazzata Potemkin!”) e  -immagino- su quanto bene faccia alla pelle delle donne: qualcuna si è lamentata, forse perchè le repliche non sono mai belle come la “prima”. Sollecitato da una domanda sull’ingresso della Turchia in Europa,  Gheddafi sembra abbia auspicato che tutto il nostro continente dovrebbe votarsi alla religione del Corano: peraltro, il leader libico dev’essere un abile missionario, se veramente gli è riuscito di convertire seduta stante almeno tre delle sue ospiti. Nel frattempo, che faceva il nostro sempiterno eroe, l’amico Silvio? Stranamente, disertava la muliebre adunanza per una sobria presenza a San Siro, dove il suo Milan strapazzava il Lecce 4-0. Ma come:  viene in campeggio il più illustre dei turisti e l’animatore più bravo del nostro villaggio vacanze se ne sta allo stadio?

A novembre dello scorso anno, scrivevo un post dal titolo “Metti una sera a casa Gheddafi.” Oggi che la farsa si replica, mi accorgo di avere un po’ la nausea per tutto questo: d’accordo, la ragion di stato il petrolio libico tripoli ormai nelle banche italiane e perfino nella juve gli accordi sugli sbarchi etc. etc. Però, insomma, qui si tratta di pagliacciate e pure di prese per i fondelli…

Related Posts with Thumbnails

Where Am I?

You are currently browsing entries tagged with libia at PaleoZotico.

Bad Behavior has blocked 94 access attempts in the last 7 days.